1-min

Il regime dei “lavoratori impatriati” e la sua applicazione nel mondo del calcio

Nel contesto delle agevolazioni fiscali nel settore dello sport professionistico è destinato ad assumere una rilevanza particolare il regime dei c.d. “lavoratori impatriati”, previsto dall’art. 16 del DLgs. 147/2015.

L’estensione di tale regime di agevolazione agli sportivi professionisti consegue al venir meno del requisito di elevata qualificazione o specializzazione per effetto delle modifiche introdotte dall’art. 5 del DL 34/2019 (c.d. decreto “crescita”).

Ciò detto, il DL 34/2019 ha innalzato la quota di reddito esente al 70% e, in taluni casi, al 90% (prima delle modifiche in commento la quota di reddito non imponibile era pari al 50%). Per quanto riguarda i requisiti di applicabilità del regime agevolativo, si osserva che:

  • l’attività lavorativa deve essere prestata prevalentemente sul territorio italiano;
  • l’applicabilità del regime è subordinata alla condizione che il calciatore non sia stato residente in Italia nei due periodi d’imposta precedenti al trasferimento;
  • il calciatore dovrà mantenere la residenza in Italia per almeno due anni.

Il regime è applicabile ai calciatori che acquistano la residenza in Italia a partire dal 2020.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NEWSLETTER

Seguici ed iscriviti alla nostra newsletter